Archivio per la categoria ‘Musica’

Ogni cosa ha una fine….

Pubblicato: 30 aprile 2010 in for me, Musica, Poesia
Tag:, , ,

Oggi, 6 novembre 2014 dopo più di 4 anni torno qui e scopro che Py non è cambiata molto.
Riscriverei tutto, forse un pochino meglio…non è passata neppure la voglia di poesia…

Dedicata al mio Blog



…rimane la voglia di poesia

Sorriso

A una passante

Pubblicato: 27 aprile 2010 in Musica, Poesia
Tag:

 



Charles
Baudelaire

A una
passante


Ero
per strada, in mezzo al suo clamore.


Esile
e alta, in lutto, maestà di dolore,


una
donna è passata. Con un gesto sovrano


l’orlo
della sua veste sollevò con la mano.


Era
agile e fiera, le sue gambe eran quelle


d’una
scultura antica. Ossesso, istupidito,


bevevo
nei suoi occhi vividi di tempesta


la
dolcezza che incanta e il piacere che uccide


Un
lampo.. e poi il buio! – Bellezza fuggitiva


che
con un solo sguardo m’hai chiamato da morte,


non
ti vedrò più dunque che al di là della vita,


che
altrove, là, lontano – e tardi, e forse mai?


Tu
ignori dove vado, io dove sei sparita;


so
che t’avrei amata, e so che tu lo sai!


 

 

Luca ha vinto….

Pubblicato: 26 aprile 2010 in Musica, Poesia

 

 

ed è come se avessi vinto un pò anch’io

 

tre madri…

Pubblicato: 1 aprile 2010 in Musica, Poesia

Con troppe lacrime piangi, Maria,
solo l’immagine d’un’agonia:
sai che alla vita, nel terzo giorno,
il figlio tuo farà ritorno:


lascia noi piangere, un po’ più forte,


chi non risorgerà più dalla morte”.


buona pasqua a tutti


a quelli che non ci sono più
e a quelli che pur essendoci,
stanno
ai margini,
lasciando la st
essa sensazione di “senso”
Eppure sentire
Nei sogni in fondo a un pianto
Nei giorni di silenzio – c’è

Un senso di te

…e mi viene da ridere…

Pubblicato: 11 marzo 2010 in for me, Musica

 

 

 

 

 

 

Sognami….

Pubblicato: 22 febbraio 2010 in for me, Musica

questo video mette allegria….
questo pezzo mi piace da impazzire….

Guccini

Pubblicato: 9 febbraio 2010 in for me, Musica
Venite pure avanti poeti sgangherati
inutili cantanti di giorni sciagurati
buffoni che campate di versi senza forza
avrete soldi e gloria, ma non avete scorza (…)
Io sono solo un povero cadetto di Guascogna
però non la sopporto la gente che non sogna (…)

Facciamola finita, venite tutti avanti
nuovi protagonisti, politici rampanti
venite portaborse, ruffiani e mezze calze
feroci conduttori di trasmissioni false
che avete spesso fatto
del qualunquismo un’arte (…)

Venite gente vuota facciamola finita
voi preti che vendete a tutti un’altra vita;
se c’è come voi dite un Dio dell’infinito
guardatevi nel cuore, l’avete già tradito
e voi materialisti col vostro chiodo fisso
che Dio è morto e l’uomo è solo in questo abisso
le verità cercate per terra da maiali
tenetevi le ghiande, lasciatemi le ali (…)
Ai dogmi e ai pregiudizi da sempre non abbocco…
e al fin della licenza io non perdono e tocco…

Per fare un uomo

Pubblicato: 5 gennaio 2010 in Musica

E cade la pioggia e cambia ogni cosa,
la morte e la vita non cambiano mai:
l’ inverno è tornato, l’ estate è finita,
la morte e la vita rimangono uguali,
la morte e la vita rimangono uguali…

Per fare un uomo ci voglion vent’anni,
per fare un bimbo un’ ora d’amore,
per una vita migliaia di ore,
per il dolore è abbastanza un minuto,
per il dolore è abbastanza un minuto…

E verrà il tempo di dire parole
quando la vita una vita darà
e verrà il tempo di fare l’ amore
quando l’ inverno più a nord se ne andrà,
quando l’ inverno più a nord se ne andrà…

Poi andremo via come fanno gli uccelli
che dove vanno nessuno lo sa,
ma verrà un tempo e quel cielo vedremo
quando l’ inverno dal nord tornerà,
quando l’ inverno dal nord tornerà…

Py fra i Negrita e la Mannoia

Pubblicato: 17 novembre 2009 in Musica, sfoghi personali
 
 
Ho imparato a sognare,
che non ero bambino
che non ero neanche un’età
 
Sin da bambina il mio unico rifugio erano i sogni, la mia famiglia di origine era una famiglia difficile, se non avessi avuto i sogni…sarei diventata un’altra
 Quando un giorno di scuola
mi durava una vita
e il mio mondo finiva un po’ là
 
Il mio giorno di scuola finiva sempre troppo presto, tornavo alla realtà di casa con gli occhi rivolti al nulla…ore a fissare un punto, senza mai conoscere la noia, sempre persa dietro alle mie fantasie

Tra quel prete palloso
che ci dava da fare
e il pallone che andava
come fosse a motore
 
Si, ho speso tantissimo tempo in parrocchia fra preti e suore….non mi davano un pallone, ma molte delusioni…ricordo che continuamente chiedevo: mi spiegate che senso ha la vita se poi si deve morire? Avevo circa 9 anni. Mai che mi abbiano dato una risposta congrua…o una favola, mi sarebbe bastata una favola…invece mi parlavano di fede…a 9 anni.
E quante confessioni ….dovevo continuamente confessarmi e spesso inventavo i peccati, perchè altrimenti non avrei avuto nulla da dire…
 
C’era chi era incapace a sognare
e chi sognava già
 
Personaggi misti….cattiverie gratuite, gente che guardava solo la realtà e mai oltre a quella…ma io avevo di più…avevo i miei sogni e le mie illusioni.
 
Ho imparato a sognare
e ho iniziato a sperare
che chi c’ha da avere avrà
ho imparato a sognare
quando un sogno è un cannone,
che se sogni
ne ammazzi metà
 
Quasi in sordina, con lo sguardo perennemente fisso al sogno, mi sono trovata nelle mani qualcosa e ho sperato che non fosse un caso…e ho scoperto che non lo era…
 
Quando inizi a capire
che sei solo e in mutande
quando inizi a capire
che tutto è più grande
C’era chi era incapace a sognare
e chi sognava già
 
Credo di essere sempre stata sola, nonostante la famiglia numerosa e i tanti amici. Un pò masochista? forse…
Io e mio marito ci siamo sposati giovanissimi dopo 3 mesi e mezzo di conoscenza, inconsciamente abbiamo unito due solitudini di semi- adolescenti….
Uno stipendio e una moglie che ancora va a scuola, un affitto da pagare… non sognava lui, io si…continuavo a farlo e mi vedevo, sposa perfetta a 18 anni, in un illusorio futuro perfetto.
E ho costruito su un sogno una vita reale quasi perfetta….Ho sognato una casa e l’ho costruita, volevo una figlia e ne ho avuto due, volevo arrivare ad oggi già ieri…e ci sono arrivata. Tutto era grande, tutto era difficile, tutto è passato…

Tra una botta che prendo
e una botta che dò
tra un amico che perdo
e un amico che avrò
 
La mia adorata prof. di Italiano, mi guardava dura, e continuamente mi ripeteva che la vita mi avrebbe dato delle botte nei denti da far tremare le ginocchia. Non si sbagliava, la mia migliore amica….lei mi ha fatto tremare il cuore…mio marito…lui mi ha quasi uccisa…ma sono qui, perchè stavolta i sogni mi hanno aiutato a rivivere, a reinventare la vita…e così ho meditato anche su amori probabili…su principi e principesse…su re e regine…

che se cado una volta
una volta cadrò
e da terra, da lì m’alzerò

e così sono caduta più volte, ma mi sono sempre rialzata con la sola forza di me…nessun aiuto, mai voluto, nè cercato…e ora se qualcuno mi dice: "che culo, che vita meravigliosa hai" gli rispondo: "ma tu…cosa ne sai di quante croste ho addosso?

C’è che ormai che ho imparato a sognare non smetterò

Non smetterò mai di farlo. I sogni mi aiutano ad andare avanti, a volermi bene…e a fantasticare, ma anche a riflettere, ad estraniarmi dal dolore, quando arriva…perchè ho imparato che non si può stare sempre male, ma neanche si può stare sempre bene….
Il mio è un mondo fatto di leggerezza apparente, di semplicità e vissuto, di ispirazione e di frammenti, di religiosità del senso della vita e di risoluzione, di un velato pessimismo e di una speranza che si rinnova sempre in un nuovo sorriso.